Paris, Montreuil…premières journées (guardiamoci attorno)

Proviamoci… mi son detto cosi' per ricominciare con il blog; adesso cerchero' di inserire qualche riflessione racconto dalle mie nuove esperienze… ahn commenti benvenuti!

Montreuil (Paris) 12.10.007

Diciamo che nn sto
privilegiando la grammatica francese in questi giorni.

Sebbene mi sia riuscito
ad inscrivere all'università (che da quel che ho capito è alquanto fighetta
come gente e discreta come offerta formativa) superando la burocrazia che
essendo senza confini fa bestemmiare egualmente da ambo i lati delle Alpi, non
ci sto andando spesso (bè i corsi iniziano tra un po' che ci devo fà…;)

Mi
sono installato nella casa (e trovarla è stata una fortuna lo ripeto ma è così)
e ho affrontato il primo problema: non è che fosse ammobiliata c'era un letto
(alla francese! 1 piazza e 1/2) e null'altro.

Per
fortuna che qui le cose vanno in modo particolare: la prima settimana di ogni
mese tutti quelli che hanno roba in casa che non usano (mobili scatoloni
strafanti vari) li mettono fuori dalla porta di casa  e li si può prenderli liberamente prima che
passi il camion del comune.

Quindi
i miei fine serata erano una caccia al mobilio usato, con perlustrazioni in
bici per scoprire e prelevare (prima di altri soprattutto i temutisssimi
rigattieri col furgone che acchiappano tutto) il mobile necessario.

è
abbastanza notevole vedere quanta circolazione di materiale consente questo
sistema, divani letto e sofà come se piovesse, sedie di ogni fattezza e tappeti
in grande quantità escono da una casa per poi trasferirsi altrove… bè io ho
trovato un comodino una cassettiera 2 sedie e un tavolo da scuola con tanto di
frasi incise col coltellino. Fatica a trascinarli dal luogo dell'avvistamento a
casa ma le distanze e le salite qui sono impietose e bisogna abituarsi a fare
sport.

 Concludo
quindi immediatamente la serie ci cose positive della Francia per piombare su
altro: qui mi sto rendendo conto dell'importanza delle parole il governo di
Sarko ha promosso un ministro all'immigrazione integrazione identità nazionale
(argh!) e al cosviluppo…praticamente un criptofascista che ha annunciato di
voler espellere 8000 sanspapier entro la fine dell'anno e poi ha fatto
approvare la legge che costringe chi vuole fare ricongiungimento familiare a
fare il test del Dna su se stesso e i figli per poter avere la stramaledetta
carta. Altra trovata lessicalmente geniale è la definizione di immigrazione non
subita ma scelta: cioè si vuole selezionare il migrante che vuole entrare in
base a non si bene quale caratteristica mentre chi vive qua da anni lo si
caccia come un cane

Poi
mi sto rendendo conto del senso di razzismo che c'è qui

Ieri
sera verso le 2 tornavo a casa con un'amica a montreuil (dove abito quartiere
periferico…), davanti a noi ci son quattro ragazzi (giovani avranno avuto
16-20 anni) che non rispondevano all'estetica francese gallica. all'improvviso
due auto borghesi hanno sgommato davanti ai ragazzi e ne sono usciti 4 animali
in borghese con pistola alla mano che hanno adossato al muro i ragazzi e dopo 2
minuti ammanettati e caricati in auto.

Scena
alquanto inquietante anche perchè i ragazzi erano tranquilli come se per loro
fosse una cosa relativamente normale (io e v. ci chiedevamo infatti cosa fare,
ahn per la cronaca noi bianchi non siamo stati cagati dai flics) mentre se li portavano
via.

Qui
gli sbirri son dappertutto veramente ovunque e sembrano alquanto tacchenti
(anche dai racconti di amici qua) poi per la serie gioie degli occhi si vedono
anche i militari in divisa e armi bene in mostra fare sorveglianza di luoghi
pubblici tipo stazioni… non belle scene.

 arrest_banlieue

 

La cosa invece buona è che il quartiere di montreuil inizia a pigliarmi bene ho
beccato un paio di bar carini con gente apposto e concertini pseudo punk
smarzo, qui si muovono diversi gruppi politici ma ancora devo capire bene la
geografia della cosa …

domani provo ad andare a
una manif per i sanspapier a belleville…. vediamo.

This entry was posted in Generale. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *