La Rage des Banlieues. Keny Arkana

Per capire un po' come vanno le cose qui a Parigi ed in particolare sulla questione delle banlieue alcuni mi hanno consigliato di sbirciare nelle (auto)produzioni di hip-hop militante che esce dalle citès delle banlieue francesi.
Grazie a C. ho scoperto lei e credo che il suo sia un progetto assai interessante. In chiusura di post potete trovare il video della canzone "La Rage".

keny_arkana2  Keny ArkanaKeny Arkana, nasce a Marsiglia nel 1983, è una rapper francese impegnata. Milita attivamente, per cause vicine alla filosofia altermondialista, con il collettivo "la rage du peuple" che non si avvicina ad alcun parito politico. Il collettivo è stato creato nel 2004 a Noailles, quartiere del centro di Marsiglia.
Keny è di origine argentina ed ha vissuto un'infanzia tumultuosa. Comincia a rappare all'età di 13 anni. Nel 1996 comincia ad esibirsi davanti ai suoi amici e compagni. Farà parte di 2 collettivi chiamati Mars Patrie ed Etat-Major.
Quest'ultimo composto da 13 persone (8 Mc, 2 Dj e 3 breaker) sarà un trampolino per Keny Arkana.
Solo a fine 2003 e qualche apparizione su diversi progetti, Keny Arkana fà uscire il primo vinile: Le missile est Lancé.
Anticipando le rivolte delle banlieue del 2005, partecipa nel 2004 alla fondazione del collettivo La Rage du Peuple che milita per "una collera positiva, unificatrice, portatrice di speranza e cambiamento" nelle cités.

Nel 2007 ha annullato i suoi concerti per organizzare in tutta la Francia dei forum partecipativi, lanciando un "appello ai senza voce" per costruire un altro mondo per le giovani generazioni.
Il 23 settembre si è esibita in mezzo alla strada nel quartiere di Pasquis a Ginevra (Svizzera). Questo concerto selvaggio è stato organizzato come iniziativa di movimento in sostegno agli squatter. (A Ginevra nel 2007 la quasi totalità dei centri sociali sono stati sgomberati).
Nell'aprile 2007 un simpatizzante del Front National (l'omologo francese di FN italiano) ha deturnato i clip di Keny a fini elettorali per il Front National.
A questo proposito Keny Arkana ha detto " Difendo una rivoluzione dal basso e antiistituzionale, voglio sottolineare che non sostengo alcun candidato, meno che meno uno del Front National, i clip detournati sono in perfetta contraddizione con i valori che ho sempre difeso. Non resto indifferente a qesta operazione perfida e scandalosa della mia musica e del mio messaggio, ma questo mette in evidenza la loro strategia di propaganda (…). Le Combat Continue, Vive La Résistance !"

Testo tradotto da wikipedia francia, l'originale è qui.
Maggiori informazioni sul sito di Keny.
Ed ecco il video di "La Rage", alcune immagini ci sono anche familiari…

 

This entry was posted in Generale. Bookmark the permalink.

5 Responses to La Rage des Banlieues. Keny Arkana

  1. sabina says:

    mi servono i testi tradotti di keny..qualcuno mi aiuta?

  2. quinsan says:

    ..e comunque sei un pò fissato con sti negri

  3. Quinsan says:

    ciao, se ne sono andati perfino il recia e nino nano..siamo a posto

  4. frnc says:

    Ecco, lascio il mio sassolino in aquiestoy così che tu sappia del mio passaggio… sarò un attento lettore, così magari ripasso anche il francese 😉

  5. gianluca fangio says:

    Ciao denis! Ho appena visitato il blog, non c’è che dire, ti stai dando da fare! Bello, un sacco di spunti. Così a prima vista il video di Keny mi ricorda mi sa che stanotte degli assalti (solamente lo stile beninteso – direttamente al punto), ma comunque non me ne intendo molto di hip hop potrei sbagliarmi. Ho letto le mail, sono contento che ti sei già ambientato, bella poi la storia del riutilizzo e della circolazione dei mobili usati. Qui all’università di TN stiamo organizzando un’iniziativa sulla Birmania con la proiezione del film “oltre rangoon” e una festa a lettere, tanto per cambiare aria. Non molto per adesso, ma chissà che non si smuovano le acque e che non si faccia la conoscenza delle fantomatiche matricole (o anche più genericamente le nuove leve).
    Ci risentiamo presto, fangio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *